Uova biologiche ritirate dal mercato: i rischi per la salute

uova ritirate mercato

Un nuovo avviso di prodotti ritirati dal mercato è apparso nella sezione Avvisi di sicurezza e ai richiami di prodotti alimentari del Ministero della Salute. Un lotto di uova biologiche, infatti, è esposto al rischio di contaminazione biologica. Da quanto si apprende le uova sono state immediatamente ritirate dagli scaffali dei supermercati. Nel dettaglio si tratta di uova prodotte dall’azienda agricola biologica “Olivero Claudio” nello stabilimento di via Rigrasso a Monasterolo di Savigliano, in provincia di Cuneo, in Piemonte. Le confezioni sono vendute con lo stesso marchio. Il richiamo riguarda sia le confezioni da quattro uova sia quelle da sei uova, ma anche quelle sfuse. La data di scadenza, infine, è fissata al prossimo 28 gennaio.

Uova biologiche ritirate dal mercato

Le uova biologiche ritirate dagli scaffali provengono dall’azienda agricola biologica Olivero Claudio e in particolare dallo stabilimento di via Rigrasso, in provincia di Cuneo. Il Ministero della Salute ha emesso un esposto dichiarando il rischio di contaminazione microbiologica. La data del comunicato è del 17 gennaio scorso. I lotti delle uova interessate dal richiamo, inoltre, sono cinque: 1A130120; 1A140120; 2A130120; 2C130120; 2C140120. Si invitano i consumatori a non consumare tali prodotti: esistono seri rischi per la salute. Il produttore non ha specificato da cosa derivi la contaminazione ma ha provveduto ad avvisare i punti vendita interessati. Chi avesse in casa tali uova, in confezioni da quattro, sei o sfuse è invitato a riconsegnarle al punto vendita dove le ha acquistate.