Uova e colesterolo: cosa sapere

·2 minuto per la lettura
uova colesterolo
uova colesterolo

Negli anni passati gli esperti hanno sempre consigliato di consumare poche uova, per via del loro alto contenuto di colesterolo. Ma oggi questa raccomandazione vale ancora? Scopriamolo insieme.

Colesterolo e uova: le sostanze nutritive

Gli esperti si sono sempre raccomandati di seguire un’alimentazione corretta e bilanciata per evitare il rischio di malattie cardiovascolari e livelli di colesterolo alti. Questo tipo di dieta deve includere frutta e verdura in grandi quantità, pesce, cereali e il consumo limitato di carne rossa, formaggi, burro e sale.

Le uova sono sempre state indicate come ottima fonte di proteine, da consumare però in quantità limitate. Un uovo, infatti, contiene acqua, proteine, grassi, minerali, carboidrati e circa 186 mg di colesterolo. Si tratta quindi di un alimento importante in una dieta sana, dato che, oltre alle proteine di alta qualità, contiene anche vitamina A, vitamina D, vitamine del gruppo B, folati, colina, riboflavina, selenio, iodio, luteina, zeaxantina.

È vero che le uova aumentano il colesterolo?

A questo punto la domanda sorge spontanea: è vero che le uova aumentano il nostro colesterolo?

In base agli studi odierni, un consumo regolare di uova non è responsabile dell’aumento dei valori di colesterolo nel sangue e non rappresenta quindi un rischio per la salute del cuore. Tuttavia, gli esperti hanno registrato un aumento del rischio cardiovascolare per ogni uovo aggiunto alla dieta abituale.

Ciò rappresenta un rischio per la salute non solo di coloro che soffrono di diabete o di pressione alta, ma anche di chi è particolarmente predisposto ad assorbire il colesterolo dalla dieta e quindi più esposto a problemi cardiovascolari. Perciò, come bisogna comportarsi?

Colesterolo: quante uova si possono mangiare?

In base ai risultati degli studi, gli esperti raccomandano di consumare massimo 4 uova a settimana e questo numero scende a 2 per coloro che vogliono abbassare i valori del colesterolo nel sangue.

Le uova, quindi, non possono essere escluse del tutto dalla dieta, dato che apportano importanti sostanze nutritive utili alla salute dell’organismo, ma bisogna fare attenzione alle quantità che se ne consumano.

Inoltre, per tenere sotto controllo il colesterolo, diventa importante anche la modalità di cottura delle uova. Perciò è meglio mangiare le uova bollite o alla coque, senza aggiunta sale. Se invece si sceglie di farle strapazzate, è meglio non aggiungere burro. Inoltre, non è raccomandato friggere le uova nell’olio, dato che in questo modo raddoppiano i grassi.

Piuttosto, conviene optare per delle gustose omelette con funghi o spinaci, o per delle uova sode mischiate nell’insalata. Queste due opzioni sono salutari per il cuore, aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo e sono altrettanto gustose.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli