Urine che puzzano: ecco perchè succede

·2 minuto per la lettura
urina maleodorante cause
urina maleodorante cause

L’odore dell’urina non è mai piacevole, ma in alcuni casi diventa più maleodorante del solito per via di alcune cause specifiche. Non si tratta di un problema da sottovalutare perchè alcune volte può essere sintomo di una patologia, ma in altre occasioni invece è legato a quello che si è mangiato ad altre cause non preoccupanti. Scopriamo quali sono le principali motivazioni che portano a questo problema e vediamo anche quali sono i rimedi migliori.

Urina maleodorante: cause

Tra le cause più frequenti che provocano un’urina maleodorante ci sono alcuni alimenti. Quando si mangiano asparagi, cipolle, curry, cavoletti, aglio e salmone oppure quando si bevono alcolici e caffè succede spesso che l’odore delle urine venga influenzato negativamente e diventi davvero poco piacevole. Un’altra motivazione tipica è legata alla disidratazione. Chi beve poco durante il giorno infatti spesso ha a che fare con urine puzzolenti: si dovrebbe bere almeno 2 litri di acqua al giorno in quanto è fondamentale per preservare il benessere del corpo.

Nel caso in cui le cause non siano legate a questi due fattori, l’urina maleodorante potrebbe essere legata alla presenza di problemi più seri. Il cattivo odore puù essere legato alla presenza di infezioni nelle vie urinarie, ma in questi casi di solito è accompagnato da altri sintomi come dolori al ventre e la sensazione di dover urinare frequentemente. In altri casi può essere sintomo di diabete o di disturbi epatici.

Rimedi contro l’urina maleodorante

Il primo rimedio è quello di bere grandi quantità di acqua ogni giorno per eliminare la disidratazione. Se la causa è un’infezione delle vie urinarie, vi suggeriamo di bere succo di mirtillo e aglio. Mangiate yogurt magro nel caso in cui l’infezione sia causata da candida vaginale perchè il Lactobacillus acidophilus contenuto nell’alimento vi darà una mano a ridurre l’infezione.

Vi consigliamo anche di bere acqua con succo di limone e orzo, oppure di assumere una miscela di acqua e semi di cumino.