Usa, più di 82mila boy scout denunciano abusi sessuali

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Foto Getty)
(Foto Getty)

Sarebbero più di 82mila i boy scout d’America ad aver subito abusi sessuali. È questo, secondo il New York Times, il numero di denunce presentate al tribunale del Delaware che sta portando avanti la procedura di bancarotta chiesta dall’organizzazione Boy Scout d’America per risarcire le vittime.

"Sapevo che erano molti ma non avrei mai pensato a un numero vicino a questo", ha detto l’avvocato Paul Mones, che da vent’anni si occupa di abusi su boy scout. Secondo il legale questo numero potrebbe rappresentare solo una parte delle vittime.

GUARDA ANCHE: Pedofilia, ex sacerdote a processo: "Abusi su 4-5 ragazzi alla settimana"

Come riporta il New York Times, la maggior parte degli abusi risale agli ultimi decenni, ma alcuni Stati hanno approvato leggi per consentire anche alle vittime più anziane di perseguire i responsabili nei tribunali. Il giudice ha fissato per lunedì il termine ultimo entro il quale le persone offese possono presentare denuncia.

I Boy Scout d’America, fondati nel 1910, hanno oltre 4,5 milioni di iscritti a partire dagli dagli otto anni d’età e sono l’organizzazione giovanile più diffusa negli Usa: si calcola che ne abbiano fatto parte 110 milioni di americani. In una dichiarazione, i Boy Scout d'America hanno affermato che l'organizzazione è stata "devastata dal numero di persone che hanno subito abusi" e che si dichiara "profondamente dispiaciuta".

Sono stati Boy Scout d’America, tra gli altri, John Fitzgerald Kennedy, Joe Biden, l’astronauta Neil Armstrong e il regista Steven Spielberg.

GUARDA ANCHE: Nigeria, parlano i ragazzi della scuola lager: eravamo in catene