Vaccini, diktat di Berlino: "Seconda dose non con AstraZeneca"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Hannibal Hanschke/Pool Photo via AP)
(Hannibal Hanschke/Pool Photo via AP)

Le persone sotto i 60 anni che si sono già sottoposte alla prima dose del vaccino anti-Covid AstraZeneca dovrebbero farsi inoculare per la seconda dose un vaccino diverso. È quanto ha dichiarato in una "bozza di decisione" Commissione vaccinale permanente tedesca (Stiko), la massima autorità sui vaccini in Germania. In particolare la Stiko ha suggerito che per la seconda dose venga usato un vaccino a mRNA, come Pfizer-BioNTech e Moderna.

VIDEO - Vaccinazioni anche dal medico, Merkel rassicura: farò AstraZeneca

"I dati sulla sperimentazione animale mostrano che la risposta immunitaria è uguale dopo la (seconda) vaccinazione eterologa", ha detto il presidente della Stiko Thomas Mertens al quotidiano Spiegel. "Adesso bisogna chiarire con dati scientifici quanto sia valida la protezione per l’uomo. Spero che avremo presto dati disponibili" ha continuato. Il 30 marzo la Commissione permanente aveva consigliato lo stop alla vaccinazione con AstraZeneca sotto i 60 anni di età.

VIDEO - AstraZeneca (Vaxzevria) sospeso in certi paesi ai minori di 65 anni