Vaccini: sono davvero sicuri ed efficaci?

·1 minuto per la lettura
I vaccini funzionano davvero
I vaccini funzionano davvero

I vaccini funzionano davvero? Ebbene, alcune persone chiedono se è vero che ci si possa ammalare nonostante si venga vaccinati. È vero, ma questo non significa che i vaccini non funzionino. Significa solo che non sono perfetti. Ricorda che vaccinare tuo figlio è di vitale importanza, e potrai trarne grande beneficio e sicurezza.

Nel raro caso di un’epidemia, un certo numero di persone vaccinate si ammalerà. Poiché in questo paese ci sono molti più vaccinati che non vaccinati, è probabile che le persone immunizzate che si ammalano siano più numerose di quelle che non sono immunizzate.

I vaccini funzionano davvero?

Per vedere come funziona, immagina che il morbillo colpisca una scuola di 1.000 studenti. Dei 995 che sono stati vaccinati, dieci si infettano, mentre tutti e cinque i bambini non vaccinati della scuola si ammalano. Quindi, anche se più studenti vaccinati si sono ammalati di morbillo, le possibilità di contrarre la malattia erano molto più basse per le persone che hanno fatto il vaccino rispetto a quelle che non l’hanno fatto.

Nessun vaccino garantisce l’immunità. Per ragioni che non capiamo, alcune persone che sono vaccinate non diventano immuni e rimangono suscettibili alla malattia. Inoltre, alcune persone perdono la loro immunità nel tempo, specialmente se non ricevono i richiami raccomandati. Ciononostante, la vaccinazione offre ancora la migliore possibilità di protezione dalle malattie infettive.

Uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association ha scoperto che, durante un’epidemia di morbillo, le persone non vaccinate avevano 35 volte più probabilità di prendere il morbillo. Diversi studi hanno confermato questi risultati. Si tenga presente, inoltre, che le persone che si ammalano di morbillo dopo essere state vaccinate sperimenteranno una forma più lieve della malattia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli