Vaccino Covid, ordine medici Roma: "Farlo prerequisito per lavorare"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"I medici si stanno vaccinando anche se occorre rodare per bene la macchina organizzativa perché ci arrivano segnalazioni di colleghi chiamati con poche ore di anticipo. L'adesione è altissima nel Lazio e credo che immunizzarsi per un medico sia un prerequisito se lavori a contatto con i pazienti, deve essere una sorta di patentino, altrimenti se non lo vuoi fare non curi di persona i pazienti". Lo chiarisce all'Adnkronos Salute Antonio Magi, presidente dell'Omceo (Ordine dei medici e odontoiatri) di Roma e provincia, tornando sulla questione dei medici no-vax che secondo il presidente "sono davvero una piccolissima minoranza rispetto ai 460mila colleghi".

Magi evidenzia anche "che non vanno dimenticati per le immunizzazioni tutti i medici specialisti e liberi professionisti che non lavorano nel Ssn. Devono essere contattati anche loro e messi nelle condizioni di fare il vaccino, se la Regione Lazio vuole - conclude - noi siamo a disposizione per collaborare e organizzare una campagna per loro".