Vaccino, è giallo sulla morte di un volontario: i test vanno avanti

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Vaccino, è giallo sulla morte di un volontario: i test vanno avanti (Photo by VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)
Vaccino, è giallo sulla morte di un volontario: i test vanno avanti (Photo by VINCENZO PINTO/AFP via Getty Images)

Mistero sulla morte di uno dei volontari coinvolti nella sperimentazione del candidato vaccino anti-Covid sviluppato dall'Università di Oxford con Irbm di Pomezia e la multinazionale del farmaco AstraZeneca. In serata l'Agenzia Reuters ha infatti riferito della morte di un volontario della sperimentazione clinica in corso in Brasile, citando l'autorità sanitaria brasiliana Anvisa e l'università federale di San Paolo, ma poco dopo l'agenzia Bloomberg rende noto che il volontario non aveva ricevuto il vaccino anti Covid.

GUARDA ANCHE - Covid, vaccino cinese è sicuro

AstraZeneca, da parte sua, ha fatto fa sapere che la sperimentazione prosegue. Il volontario morto, coinvolto nello studio di fase 3 sul vaccino in corso nel Paese sudamericano, non avrebbe dunque ricevuto la somministrazione del candidato vaccino.

Le valutazioni effettuate da AstraZeneca "non hanno condotto ad alcuna preoccupazione in merito alla continuazione dello studio in corso" di fase 3. "Non possiamo commentare su casi individuali coinvolti nella sperimentazione in corso del vaccino Oxford, aderendo in modo stringente alla regolamentazione dei trial clinici, ma possiamo confermare che tutti i processi di verifica richiesti sono stati seguiti".

“Tutti gli eventi medici significativi - ha aggiunto AstraZeneca - sono attentamente valutati da investigatori clinici del trial, un comitato di monitoraggio indipendente e le autorità regolatorie. Queste valutazioni non hanno portato a preoccupazioni in relazione alla continuazione dello studio in atto".

GUARDA ANCHE - Mascherine e pelle sensibile, cosa fare?

Già nelle scorse settimane la sperimentazione del candidato vaccino Oxford era stata sospesa a seguito del verificarsi di una reazione avversa in uno dei volontari, poi dimostratasi non collegata alla somministrazione del vaccino.

Attualmente la sperimentazione del vaccino Oxford è in corso su un totale di 50mila volontari in Gran Bretagna, Usa, Brasile e Sud Africa. I risultati della finale fase 3 sono attesi nelle prossime settimane.

Un prototipo di questo vaccino sarà convalidato entro la fine di quest'anno, ha annunciato oggi il vice direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Ranieri Guerra.