Vaccino MMR e il rischio di autismo: c'è un collegamento?

·2 minuto per la lettura
rischio di autismo
rischio di autismo

No, ci sono chiare prove che il vaccino MMR (morbillo, parotite, rosolia) non comporti un rischio di autismo. Il disturbo dello spettro autistico è una disabilità dello sviluppo che colpisce la comunicazione, l’interazione sociale e il comportamento di un bambino, ed è in aumento dagli anni 1990. Le cause esatte dell’ASD non sono note, quindi i genitori sono comprensibilmente allarmati.

L’aumento dell’autismo potrebbe derivare da molti fattori, tra cui una maggiore consapevolezza della malattia, uno screening più precoce per l’ASD da parte dei pediatri e cambiamenti nel modo in cui il disturbo viene definito e diagnosticato.

MMR e il rischio di autismo: come è iniziata la falsa connessione

La preoccupazione per un collegamento tra il vaccino MMR e l’autismo è iniziata nel 1998, dopo che la rivista medica britannica The Lancet ha pubblicato uno studio in merito. I ricercatori stavano studiando la teoria che i problemi intestinali come il morbo di Crohn possono derivare da un’infezione virale e contribuire allo sviluppo dell’autismo.

Lo studio era molto piccolo – solo otto bambini con autismo hanno partecipato – e da allora è stato ritrattato da The Lancet perché i dati sono stati falsificati. Lo studio non ha esaminato se i bambini che hanno ricevuto il vaccino MMR avevano più probabilità di sviluppare l’autismo rispetto a quelli che non l’hanno ricevuto.

Cosa mostrano gli studi

Molti studi rispettabili hanno confrontato l’incidenza dell’autismo nei bambini che hanno ricevuto il vaccino MMR e quelli che non l’hanno ricevuto. Hanno concluso che l’autismo non è più comune nei bambini vaccinati. Il più grande, recente e convincente di questi è uno studio pubblicato nel numero di marzo 2019 degli Annals of Internal Medicine. I ricercatori hanno esaminato più di mezzo milione di bambini nel corso di dieci anni. Quasi 32.000 di quei bambini non hanno ricevuto il vaccino MMR. Circa 6.500 bambini sono stati alla fine diagnosticati con l’autismo. Non c’era alcuna differenza nei tassi di autismo tra i bambini vaccinati e non vaccinati.

La maggior parte degli esperti sottolinea che non c’è un modo plausibile per un vaccino di scatenare l’autismo. Dopotutto, non c’è nessuna connessione conosciuta tra l’autismo e il morbillo, la parotite o la rosolia. Non ha senso dal punto di vista medico che un vaccino causi una condizione che la malattia stessa non causa, poiché un vaccino è essenzialmente un’infezione molto indebolita. Ricorda che vaccinare tuo figlio è di vitale importanza per prevenire gravi rischi e problematiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli