Vaccino Novavax "può dare effetti collaterali come tutti"

·1 minuto per la lettura

Il vaccino anti Covid di Novavax, che ha appena ricevuto il via libero dell'Agenzia europea del farmaco Ema, "è un vaccino che si chiama a subunità proteica, una tecnologia già molto utilizzata in altri vaccini: prendiamo una proteina purificata del virus, che viene inoculata e stimola la risposta immunitaria in una maniera simile ad alcuni vecchi vaccini come quello contro l'epatite B". Tuttavia "non parliamo di un vaccino con meno effetti collaterali o esente a priori da rischi. Come tutti i vaccini può avere le sue reazioni avverse, le sue risposte anomale". Lo precisa Marco Falcone, professore associato di malattie infettive all'università di Pisa e segretario della Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali), intervenuto a 'Gli Inascoltabili' su radio New Sound Level.

"La differenza è che" il vaccino di Novavax "utilizza una piattaforma che non è innovativa come quella mRna - precisa lo specialista - ma una già sperimentata in passato che potrebbe rendere più tranquille le persone che hanno delle riserve sulle tecnologie più nuove". Ciò detto, "non ci sono elementi per avere dubbi e riserve sui vaccini a mRna - assicura Falcone -. Molte persone diffidenti, per non fare quello a mRna, hanno preferito fare i vaccini a vettore virale tipo Johnson&Johnson e AstraZeneca, che poi sono stati quelli con maggiori effetti collaterali e minore efficacia. Di J&J si sa oramai che la monodose è completamente inefficace nel prevenire la malattia. Viceversa, con un miliardo e mezzo di vaccini mRna nel mondo, non ci risultano enormi problematiche".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli