Vaccino Pfizer 12-15 anni, via libera dell'Ema

·3 minuto per la lettura

Vaccini Pfizer dai 12 ai 15 anni per l'immunizzazione dal coronavirus, arriva il via libera dell'Ema. Le dosi saranno due, con seconda dose somministrata a distanza di 21 giorni dalla prima. "La risposta del vaccino nei 12-15enni è come quella degli adulti o migliore", spiega l'ente. La notizia della raccomandazione del comitato Chmp dell'organismo è stata comunicata venerdì scorso durante il briefing da Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici per Covid-19 dell'Agenzia europea del farmaco Ema. Si tratta del primo vaccino Covid approvato per bambini e ragazzi di questa fascia d'età nell'Ue.

L'uso del vaccino Comirnaty nei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni sarà lo stesso delle persone di età pari o superiore a 16 anni, per cui è già autorizzato. Viene somministrato in due dosi, a distanza di tre settimane.

"La raccomandazione del Chmp sarà ora trasmessa alla Commissione europea" e, ha chiarito Cavaleri, "spetta a ogni singolo Stato decidere se e quando usare questo vaccino negli adolescenti in futuro. Estendere la protezione del vaccino anche nelle popolazioni più giovani è un passo importante nella lotta alla pandemia. E riconosciamo questo risultato", ha aggiunto ribadendo l'elevata efficacia osservata nel trial condotto in questa fascia d'età. Quanto alla sicurezza, Cavaleri ha assicurato monitoraggio continuo. "Gli effetti indesiderati più comuni nei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni sono simili a quelli nelle persone di età pari o superiore a 16 anni". Includono dolore al sito di iniezione, stanchezza, mal di testa, dolori muscolari e articolari, brividi e febbre.

Questi effetti sono generalmente lievi o moderati e migliorano entro pochi giorni dalla vaccinazione, spiega l'Ema. Gli effetti del vaccino sono stati studiati in 2.260 bambini di età compresa tra 12 e 15 anni. Analizzando i dati il Chmp ha concluso che i benefici di Comirnaty in questa fascia di età superano i rischi. E ha osservato che, a causa del numero limitato di bambini inclusi nello studio, lo studio non avrebbe potuto rilevare effetti collaterali rari, viene precisato.

Il comitato per la sicurezza dell'Ema Prac sta attualmente valutando casi molto rari di miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (infiammazione della membrana intorno al cuore) che si sono verificati dopo la vaccinazione con Comirnaty, principalmente in persone di età inferiore a 30 anni. "Attualmente - spiega l'agenzia in una nota - non vi è alcuna indicazione che questi casi siano dovuti al vaccino e l'Ema sta monitorando attentamente questo problema".

Nonostante questa incertezza, il Chmp ha ritenuto che i benefici di Comirnaty nei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni siano superiori ai rischi, in particolare nei bambini con condizioni che aumentano il rischio di Covid grave. La sicurezza e l'efficacia del vaccino sia nei bambini che negli adulti continueranno a essere monitorate attentamente poiché viene utilizzato nelle campagne di vaccinazione negli Stati membri, attraverso il sistema di farmacovigilanza dell'Ue e gli studi in corso e aggiuntivi da parte dell'azienda e delle autorità europee.