Vaccino: può ugualmente causare la malattia da cui doveva proteggere?

·2 minuto per la lettura
Un vaccino può causare la malattia
Un vaccino può causare la malattia

È vero che un vaccino può causare la malattia da cui doveva proteggere? La risposta dipende dal tipo di vaccino. Solo i vaccini fatti da virus o batteri vivi comportano il rischio di trasmettere una malattia e, anche in questo caso, il rischio è molto piccolo e i sintomi sono generalmente molto lievi.

Tutti i vaccini creano immunità introducendo una sostanza che innesca il sistema immunitario del corpo a reagire e produrre anticorpi, ma non tutti i vaccini sono uguali. Alcuni sono fatti con virus o batteri vivi che sono stati molto indeboliti. Altri sono fatti con batteri o virus che sono stati uccisi. Altri ancora usano solo parti specifiche di batteri o virus per stimolare le difese del corpo.

Un vaccino può causare la malattia da cui doveva proteggere?

I vaccini attenuati sono fatti da virus vivi e batteri vivi che sono stati indeboliti, di solito da ripetute replicazioni in laboratorio. Poiché questi organismi sono vivi, è possibile che causino una forma molto lieve della malattia. Questo accade molto raramente, ma questo è il motivo per cui i medici sono cauti nel dare vaccini vivi a chiunque abbia un sistema immunitario indebolito, come qualcuno in cura per il cancro.

Solo i vaccini fatti da virus o batteri vivi portano anche un piccolo rischio di trasmettere la malattia vera e propria. I seguenti vaccini nel programma di immunizzazione per bambini dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie sono fatti da virus vivi:

  • Varicella

  • MMR (morbillo-parotite-rosolia)

  • Rotavirus

  • Influenza – solo spray nasale (gli antinfluenzali non contengono virus vivi)

Nessuno degli altri vaccini nel programma di immunizzazione, compresa l’iniezione per la polio, sono fatti da virus vivi o batteri. Il vaccino antipolio orale è fatto da virus vivi ma non è più usato. I vaccini inattivati o uccisi sono fatti da batteri o virus che sono stati uccisi dal calore o da sostanze chimiche. Non si può prendere una malattia da un vaccino inattivato perché l’agente infettivo non può riprodursi. Tuttavia, il virus o i batteri morti sono ancora sufficienti a stimolare il sistema immunitario del corpo. Il vaccino antinfluenzale e il vaccino antipolio iniettato sono vaccini inattivati.

I vaccini componenti o frazionati sono vaccini inattivati che sono fatti solo da una parte del virus o del batterio. Per il vaccino Hib, per esempio, si introduce una parte del rivestimento del batterio. Questo stimola l’immunità contro il batterio stesso. I vaccini contro l’epatite A e l’epatite B e il vaccino pneumoccocale sono vaccini componenti. I virus e i batteri parziali non sono in grado di riprodursi o di causare malattie.

I vaccini tossoidi contengono una tossina o una sostanza chimica prodotta dal virus o dal batterio, e quindi proteggono dagli effetti dannosi dell’infezione piuttosto che dall’infezione vera e propria. Questi includono il vaccino DtaP, che protegge da difterite, tetano e pertosse.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli