Vaiolo delle scimmie: perché l'Oms è preoccupata?

scimmia
scimmia

Il vaiolo delle scimmie preoccupa l’Organizzazione mondiale della sanità. Tale patologia sarebbe un rischio per la salute pubblica. Convocato il comitato per il 23 giugno. L’Oms ha affermato che il centro di diffusione del vaiolo risulta essere l’Europa. Sembra che il vaiolo delle scimmie stia facendo sempre più contagi e la situazione potrebbe peggiorare nel futuro prossimo. Il direttore dell’Oms Europa, Hans Kluge, ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa: “L’Europa rimane l’epicentro di questa ondata in crescita, con 25 paesi che riportano più di 1.500 casi, ovvero l’85% del totale globale”.

Vaiolo delle scimmie: i timori dell’Oms

Al momento la prima preoccupazione dell’Oms è contenere quanto più possibile l’espansione del virus. Hans Kluge ha spiegato: “L’ampiezza di questa epidemia presenta un rischio reale: più a lungo circola il virus, più si estenderà la sua portata e più la malattia prenderà piede nei paesi non endemici”.

La situazione in Africa ed Europa

L’immunologa Antonella Viola ha spiegato che il vaiolo delle scimmie risulta essere endemico in Africa, ma il problema è che esso è presente anche in Europa, in una maniera mai vista prima. Il vaiolo si sta propagando dappertutto ed è sempre più difficile bloccarlo. Viola spiega che molto probabilmente il virus sarà uno dei tanti con cui dovremo convivere.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli