Valeria Rossi 20 anni dopo il tormentone 'Tre parole': "Lavoro nell'ufficio anagrafe"

·1 minuto per la lettura
Valeria Rossi
Valeria Rossi

A circa 20 anni dal suo tormentone ‘Tre parole’ Valeria Rossi ha svelato cosa farebbe nella vita oggi.

Valeria Rossi oggi: che fine ha fatto

Era il 2001 quando il tormentone di Valeria Rossi, cantante originaria di Tripoli ma cresciuta a Roma, impazzava a tutte le stazioni radio. Oggi la vita della cantante è molto diversa da allora ed è stata lei stessa a raccontare cosa farebbe oggi, a 20 anni di distanza. Pur non avendo mai abbandonato il mondo della musica, Valeria Rossi lavora oggi in un ufficio anagrafe e a quanto pare è pienamente soddisfatta della sua carriera: “Ho ripreso i libri della prima laurea, in diritto, ho fatto un concorso e sono stata assunta come ufficiale dello stato civile, redigo gli atti che afferiscono ai mutamenti di status delle persone. Ogni giorno ho a che fare con le vite delle persone, avevo voglia di andare nella pratica, nel concreto“, ha confessato.

Dopo il successo avuto col suo primo album, Non scordatevi dei fiori, nel 2003 ha pubblicato il suo secondo disco, Osservi l’aria, e in seguito si è specializzata anche come autrice e ha scritto alcuni testi per Mietta, Jessica Brando e molti altri. Nell’ottobre del 2014 ha pubblicato il libro di ricette per bambini intitolato Bimbincucina e nel 2015 ha invece pubblicato il suo libro Tre parole dopo. Riflessioni intorno al successo.

Valeria Rossi: il successo

In merito al successo ottenuto dal brano Tre Parole, Valeria Rossi ha confessato di non essersi mai sentita una cantante quanto piuttosto un’autrice. “Non ne sapevo nulla di televisione, di radio, di promozione, non avevo idea di cosa fossero i ‘bagni di folla’. Ero un’autrice non una performer, non avevo alcuna esperienza dei meccanismi di show business, era tutto nuovo per me. Ero ovviamente contenta all’inizio, molto sorpresa ma anche molto divertita da quello che stava accadendo. Capii abbastanza presto che tutto stava prendendo dimensioni anomale e capii che se non stavo attenta avrei perso completamente il controllo su me stessa e sulla mia vita. Tutto durò due anni, piuttosto rocamboleschi dal punto di vista professionale. Perché alla fin fine era una professione inventata, anzi è difficile anche chiamarla professione, io ero un’autrice e sapevo ben poco di palcoscenici”, ha dichiarato.

Valeria Rossi: la vita privata

Sposata da tempo con un uomo di cui non si conosce il nome, Valeria Rossi ha avuto un figlio, Mario. “Mio marito si laureava in musicologia con una tesi proprio su questa canzone e quindi mi contattò per parlarmene e per avere consigli e pareri. E ci siamo innamorati. Ed ancora da raccontare in proposito posso dirti che Tiziano Ferri con cui nel periodo di Tre Parole ho condiviso l’estate importante e tanti palchi che ci hanno resi amici, quando uscì Ti dirò mi chiamò per dirgli che lo aveva commosso. E Tiziano è uno che scrive meravigliosamente, quindi anche ricevere i complimenti suoi è un altro successo che mi porto nel cuore”, ha confessato la cantante in merito al suo primo incontro col marito.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli