Variante Omicron: è meno probabile che causi il “Long Covid"

I ricercatori britannici hanno scoperto che la variante Omicron del virus Covid-19 ha meno probabilità di causare il Long Covid.

Tra coloro che hanno contratto il coronavirus mortale dalla sua comparsa nel 2020, una percentuale significativa ha manifestato sintomi a lungo termine: come affaticamento intenso, mancanza di respiro, nebbia del cervello e altri problemi di salute.

Tuttavia secondo gli scienziati del King's College di Londra, è meno probabile che la variante Omicron dello scorso inverno, più mite, ma molto contagiosa, abbia un effetto persistente.

Utilizzando un'app gli scienziati hanno esaminato i dati di quasi 100.000 persone che hanno registrato i loro sintomi del Covid-19 e hanno scoperto che, poco più del 4 percento delle persone infette durante l'ondata di Omicron, aveva registrato quelli che sono generalmente descritti come sintomi di "lungo Covid". In confronto il 10% delle persone infette nella precedente ondata Delta, ha riportato sintomi significativi del Long Covid.

La dott.ssa Claire Steves, ricercatrice capo, ha dichiarato: «La variante Omicron sembra che causi un lungo Covid più leggero rispetto alle varianti precedenti, ma comunque, una persona su 23 che contrae il Covid-19 continua ad avere sintomi per più di quattro settimane».

Mentre Kevin McConway, professore emerito di statistica applicata presso la The Open University, ha ammesso che non sarà facile predire il futuro.

«Comunque non si può scegliere quale variante del virus ti colpirà - ha detto -. Per di più nulla in questi risultati ci dice cosa potrebbe accadere con una nuova variante diversa in termini di rischio Covid lungo».

I funzionari stimano che il "lungo Covid" ha colpito almeno due milioni di persone, solo nel Regno Unito.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli