Varoufakis: "Per Italia futuro di austerità e depressione permanente"

webinfo@adnkronos.com

"Ed ecco qui: l'Italia e altri. Hanno accettato prestiti Mes che porteranno ad un'austerità rigorosa l'anno prossimo, a pietosi prestiti alle imprese della BEI, a un sistema pseudo-federale di ri-assicurazione contro la disoccupazione, oltre a qualche briciola di filantropia. In cambio si sono impegnati a una depressione permanente". A scriverlo su Twitter è l'ex ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, commentando l'accordo raggiunto dall'Eurogruppo. 

LEGGI ANCHE: Eurogruppo, l’intesa spiegata bene

"Il Mes senza condizioni è un trucco ispirato dalla Merkel. Certo, prendete miliardi di nuovi prestiti senza condizioni. Ma poi l'anno prossimo Bruxelles 'noterà che il vostro rapporto tra debito e Pil è schizzato alle stelle e a posteriori chiederà una gigantesca e catastrofica austerità", prosegue. 



A chi chiede se i premier di paesi come Italia e Spagna siano ciechi, l'ex ministro greco risponde: "Non sono ciechi, ma i loro partiti dipendono completamente (per finanziamenti, promozione sui media e influenza) dall'oligarchia senza frontiere che si oppone a qualsiasi elemento come gli eurobond capace di deviare le risorse dai ricchi ai poveri. Seguite il denaro!". Varoufakis prevede un futuro all'insegna dell'austerità: "E' ciò che verrà imposto anche se è ciò che serve meno", dice, davanti a quello che descrive come uno ''scenario riprovevole". "Quelli che fino a poche ore fa dicevano che l'Unione Europea sarebbe crollata senza gli eurobond ora celebrano la morte e la sepoltura... degli eurobond. E la loro sostituzione con i prestiti tossici del Mes che si aggiungono a debiti nazionali insostenibili?". C'è chi ricorda a Varoufakis l'esito delle sue battaglie. "Io -dice l'ex ministro di Atene- sono stato sconfitto, ma almeno ho lottato. Posso convivere con questo. Non posso" accettare di "arrendermi alle forze che stanno distruggendo l'Europa". 


GUARDA ANCHE Cassa integrazione entro il 15 aprile? Una promessa a ostacoli