Venezia Amarcord – La vittoria inaspettata (e sacrosanta) di Brokeback Mountain nel 2005

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images
Photo credit: Chris Jackson - Getty Images

Tutto era pronto per la celebrazione di Clooney che con il suo Good night, and good luck, sua seconda esperienza dietro alla macchina da presa, aveva convinto pubblico e critica (sei nomination agli Oscar, così per dire, ndr). Ma a Venezia i colpi di scena sono dietro l’angolo e il Leone d’oro alla Mostra del Cinema 62 viene assegnato a Brokeback Mountain di Ang Lee. Uno dei film più belli sull’amore omosessuale, apripista di una narrazione arcobaleno che all’epoca non era per niente scontata e oggi considerato uno dei migliori film del 2005 e del decennio 2000-2010. Iconiche le foto dell’arrivo in Laguna della coppia d’oro, Heath Ledger e Jake Gyllenhaal al fianco della splendida Anne Hataway che esattamente l’anno dopo ritornerà al Lido per la premiere del film della sua consacrazione aka Il Diavolo veste Prada e il resto è storia.

Photo credit: Franco Origlia - Getty Images
Photo credit: Franco Origlia - Getty Images

Nonostante la delusione, Clooney non rimane a mani vuote: tutti suoi e meritatissimi i riconoscimenti per la sceneggiatura e per il miglior attore a David Strathairn (la coppa Volpi per l'interpretazione va invece a Giovanna Mezzogiorno per la Bestia nel cuore di Cristina Comencini e il Leone alla carriera a Stefania Sandrelli). Con un coup de théâtre, la giuria della kermesse presieduta dal nostro Dante Ferretti annuncia il trionfo dell'opera del regista taiwanese, "un verdetto frutto di discussioni accesissime tra i giurati, a quanto si dice piuttosto litigiosi" come si legge su un articolo di Repubblica del 10 settembre 2005. Una scelta che con il senno di poi non potrebbe essere stata più azzeccata considerando tutto quello che rappresenta Brokeback Mountain nella storia della settima arte e come sia riuscito a ritagliarsi un posto tra i classici.

Photo credit: J. Vespa - Getty Images
Photo credit: J. Vespa - Getty Images

Una grande, intensa, drammatica storia d'amore che meritava la vittoria, un inno alla tolleranza che Venezia ha voluto premiare portandola alle stelle. La pellicola poi viene accolta da critiche estremamente positive vincendo i premi Golden Globe, BAFTA, Critics' Choice Movie Award e conquistando il maggior numero di nomination ai Premi Oscar 2006, dove riesce ad aggiudicarsene 3 su 8 (Migliore regia, Migliore sceneggiatura non originale, Miglior colonna sonora). Un cast d'eccezione con lo straordinario Heath Ledger e il convincente Jake Gyllenhaal, sul tappeto rosso con la sorella Maggie, tra i più talentuosi visti sfilare alla Mostra del cinema e lo giuriamo, su Jack insieme a Ennis.

Photo credit: J. Vespa - Getty Images
Photo credit: J. Vespa - Getty Images
Photo credit: George Pimentel - Getty Images
Photo credit: George Pimentel - Getty Images
Photo credit: Eric CATARINA - Getty Images
Photo credit: Eric CATARINA - Getty Images
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli