Verdure di stagione: scopri con noi ciò che la terra ti offre nella calda estate

·5 minuto per la lettura
Photo credit: Hinterhaus Productions - Getty Images
Photo credit: Hinterhaus Productions - Getty Images

L’estate si sta avvicinando e, con l’aumentare della temperatura, diventa imperativo spostare la propria alimentazione verso frutta e verdura. Il loro apporto di vitamine e minerali, oltre che la loro freschezza, è necessario per far fronte al caldo torrido dei mesi estivi, senza rischiare di farsi trovare impreparati. Scopri assieme a noi quali sono le verdure tipiche dell’estate e lasciati tentare da idee culinarie fresche, accattivanti e gustose.

Giugno e le sue verdure di stagione

Con l’arrivo di giugno, i banchi della verdura di mercati e supermercati si popolano di una grande quantità e varietà di verdure di stagione. Ortaggi di ogni forma e dimensione, che si prestano a ricette invitanti e genuine: zucchine (con il loro fiore), carote, fagiolini, asparagi, bietole, cetrioli, ravanelli, fave, sedano, rucola, piselli, radicchio, peperoni, pomodori. Come erbe aromatiche abbiamo il basilico, in grado di profumare e trasformare moltissimi piatti.
Le zucchine sono rinfrescanti, idratanti e a basso contenuto calorico e aiutano a combattere i primi segni della stagione calda. Inoltre, aiutano il fabbisogno di ferro, calcio e fosforo. I fagiolini contribuiscono al fabbisogno vitaminico e di Sali minerali grazie al loro alto contenuto di potassio. Sono eccellenti bolliti e mangiati con sale e olio, oppure usati per guarnire piatti a cui vorrai dare il vero tocco dell’estate. I pomodori sono ricchi di betacarotene, licopene e Vitamina C: aiutano a combattere in maniera molto efficace i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento delle cellule.
I cetrioli, originari dell’India, sono verdure particolarmente versatili, sia in ambito culinario che medico: sono efficaci nella cura di alcune patologie polmonari e combattono l’artrite; il succo, poi, è molto utile per contrastare l’acidità di stomaco, le ulcere e le gastriti. Hanno un bassissimo apporto calorico e quindi sono perfetti per le diete dimagranti, ma al tempo stesso hanno un altissimo valore nutritivo, contenendo vitamina B6, potassio, vitamina C e fibre. Usati come impacco, aiutano a combattere l’acne e le labbra screpolate.

Photo credit: ArtMarie - Getty Images
Photo credit: ArtMarie - Getty Images

Altra verdura tipica di questa stagione è il sedano. La variante più diffusa è quella bianca in quanto, rispetto a quella verde, possiede un sapore più dolce e un aroma meno deciso. È particolarmente indicato per essere mangiato crudo in insalata con vari condimenti, ma può essere ugualmente cotto. Possiede ottime capacità curative per patologie come il meteorismo, difficoltà digestive e reumatismi.
I legumi principi di questa stagione, oltre ai piselli e ai fagiolini, sono senza dubbio le fave, che maturano proprio tra maggio e giugno. Forniscono un ottimo apporto proteico, di sali minerali come fosforo, potassio e calcio e di Vitamina A e C. Grazie anche al loro alto contenuto di fibre, aiutano la regolazione intestinale, oltre che il controllo dei livelli di colesterolo e glucosio nel sangue. Evita le fave, però, se soffri di gastroenterocolite o di aerofagia.

Cosa offre luglio come verdure di stagione

Nel mese di luglio, notoriamente uno dei mesi più caldi dell’anno, è consigliabile mangiare verdura a crudo in modo tale da mantenere intatto l’apporto di sali minerali, vitamine e nutrienti e per non ridurre il contenuto di acqua nelle verdure, che si perderebbe in fase di cottura.
A farla da padrone sono verdure colorate e ricche di acqua, come zucchine, carote e pomodori, che giungono a perfetta maturazione.
Le carote, grazie al loro altissimo contenuto di betacarotene, ossia la Vitamina A, aiutano a mantenere la pelle liscia e morbida, contrastano il peggioramento della vista, aiutano lo sviluppo di ossa e denti. In cucina si può consumare in svariati modi, dal crudo al passato, oltre che come guarnizione e contorno per moltissime pietanze. Grazie al loro basso contenuto calorico, in relazione all’alto apporto vitaminico, sono fortemente indicate per chi sta seguendo una dieta dimagrante. Attenzione, però: non mangiate carote che sono state bollite e lasciate a temperatura ambiente per un lungo periodo di tempo. Questa pratica porta le carote a sviluppare nitrossamine, che contribuiscono all’insorgenza di tumori all’esofago.

Photo credit: fcafotodigital - Getty Images
Photo credit: fcafotodigital - Getty Images

Altra verdura tipica di questa stagione è la cipolla, nelle sue diverse varianti. Quella più digeribile e genericamente più prediletta è quella Rossa di Tropea. Possiede un gusto particolare anche dato dal suo alto contenuto di zuccheri, oltre ad avere una alta digeribilità. Oltre ad apportare in maniera discreta sali minerali e vitamine, la cipolla funge da ottimo aiuto per la digestione. Inoltre, la cipolla è un vero e proprio antibiotico naturale e abbassa il livello di glucosio nel sangue. Attenzione a consumarle crude, però, perché possono provocare acidità di stomaco e alito cattivo.
Tra i tuberi tipici di questa stagione, impossibile non citare le patate, diffusissime in cucina e al centro di moltissime ricette gustose. La particolarità delle patate è che non perdono valori nutrizionali in cottura. E anzi è necessario cuocerle, in modo da scomporre gli amidi che contengono e renderle digeribili.

Agosto e le sue gustose verdure di stagione

Anche per agosto la situazione non cambia, sebbene si inizino ad intravedere verdure tipiche del periodo autunnale come le zucche e i funghi, in particolare i porcini. Anche in questo periodo della stagione, ottimo consiglio è quello di consumare verdura e frutta a crudo per contrastare il caldo e l’afa.
Per quanto riguarda i funghi, i porcini sono tra le varietà commestibili più apprezzate. All’interno della stessa categoria ne esistono quattro varietà principali che si differenziano leggermente per gusto e aroma, oltre che per peso e dimensione. Sono davvero poveri in calorie e in apporto nutrizionale e la loro composizione è quasi interamente a base acquosa (circa il 93% del totale).
La zucca ha origini che provengono dall’altro lato dell’oceano, dall’America, ma anche dall’India. A seconda della varietà, possiede forma e dimensione differenti. Ha una polpa rinfrescante e che stimola le funzioni intestinali. Grazie al suo bassissimo apporto calorico a fronte di un elevato apporto vitaminico, specialmente Vitamina A, la zucca è fortemente consigliata per chi sta affrontando una dieta dimagrante. Attenzione alla conservazione, in quanto la zucca tende a deperire velocemente una volta aperta. Chiusa, può essere conservata invece per diversi mesi.
Tra le verdure estive a farla da padrona sono comunque le insalate a foglia larga, ma anche spinacino, erbette e rucola. Un carico di vitamine e gusto!