Verissimo, Barbara D’Urso: “Sorrido ma ho fatto 15 anni di analisi”

barbara d'urso

Barbara D’Urso è stata ospite a Verissimo da Silvia Toffanin. La conduttrice che fa tutto “con il cuore” è reticente nel rilasciare interviste televisive, ma si è prestata molto volentieri ad essere, almeno per una volta, dall’altra parte del microfono. Barbarella ha raccontato tutta la sua vita, sia quella professionale che quella privata, lasciandosi andare anche a dettagli molto intimi.

L’infanzia di Barbara D’Urso

Difficilmente Barbara D’Urso si concede per interviste televisive, un po’ per mancanza di tempo e un po’ perché non ama parlare del suo privato. Ospite a Verissimo, da Silvia Toffanin, Barbarella si è lasciata andare come non mai e ha vissuto momenti di notevole imbarazzo, dimostrato, come ammesso anche da lei, dal suo toccarsi continuamente i capelli. La Toffanin non può che partire dalla sua infanzia. La D’Urso racconta di un periodo difficile, segnato dalla lunga malattia della madre, alla quale era molto legata. La conduttrice di Pomeriggio 5 e Domenica Live ammette: “Mi mancavano gli abbracci, lei era sempre attaccata a tubi e flebo e abbracciarla era molto difficile, perché è stata bloccata a letto per lunghi anni. Questa difficoltà ad abbracciare qualcuno la vivo ancora oggi. La malattia di mia madre ha cancellato tutti i ricordi belli precedenti della mia infanzia. Comunque, questa mia esperienza mi ha insegnato a sorridere alla vita, anche se piango ancora molto, quando sono sola. In pubblico, è come se indossassi una maschera”. Barbara ammette di indossare una maschera da quando ha 7 anni e che si lascia andare alla commozione ed è realmente se stessa solo con chi la conosce nel profondo, come familiari e amici. La conduttrice poi rivela che lei è sempre sorridente, ma che per arrivare a questo atteggiamento nei confronti della vita ha fatto un percorso di 15 anni di analisi. Inevitabilmente, l’infanzia difficile l’ha influenzata anche nei rapporti sentimentali, non proprio fortunati.

Gli uomini di Barbara D’Urso

Barbaraammette che questa sua reticenza nel concedere abbracci l’ha influenzata anche nei rapporti sentimentali. Uomini sbagliati, ma anche giusti, come il padre dei suoi due figli. La D’Urso rivela: “Ho incontrato tanti uomini sbagliati. Il padre dei miei figli, ovviamente, non fa parte di questi. Comunque, io tendo a perdonare sempre. La mia ultima relazione risale a tre anni fa, non riesco a farmi piacere nessuno e sento una certa mancanza. Anche per questo, nel mio cuore ci sono prima i miei figli e poi i miei fan e telespettatori”. La Toffanin, sulla dichiarazione dell’ultimo fidanzato le fa una battutina, con la speranza che la sua ospite si sbottoni un po’ di più, ma Barbarella è troppo gelosa del suo privato e non rivela l’identità dell’uomo che ha avuto al suo fianco. Prima di concludere l’intervista, la D’Urso non può non parlare della Dottoressa Giò, che torna in Tv dopo ben 22 anni. La donna, mostrando anche una cicatrice frutto di un incidente sul set, ammette: “Ho insistito molto per una nuova stagione e ho voluto a tutti i costi Christopher Lambert nel cast. Prima di iniziare le riprese, ho fatto molto training in ospedale ed era bello vedere la gente sorpresa nel vedermi. Sul set ho avuto anche un incidente: una mattina sono stata travolta completamente da un carrello d’acciaio enorme, mi si è strappato un grosso pezzo di tessuto dermico, e purtroppo malgrado gli antibiotici la zona si è infettata più volte e non si è rimarginata come speravo. Devo coprire col trucco la cicatrice, è piuttosto vistosa”. Barbarellaè orgogliosa e anche molto agitata per il ritorno in Tv della fiction targata Mediaset, ma è convinta che sarà un grande successo perché tra i temi trattati c’è quello della violenza sulle donne, centrale per tutta la stagione. Insomma, prima di giudicare se La Dottoressa Giò merita di essere vista o meno, non ci resta che attendere la messa in onda.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: