Verissimo, Silvia Toffanin a Lea T: "La censura non mi appartiene"

·2 minuto per la lettura
verissimo silvia toffanin lea t
verissimo silvia toffanin lea t

L’ultima puntata di Verissimo è stata aperta in modo diverso rispetto al solito. La conduttrice Silvia Toffanin ha esordito con una dura replica rivolta alla modella Lea T. Quest’ultima, nei giorni scorsi, ha lanciato pesanti accuse contro la trasmissione di Canale 5.

Verissimo: Silvia Toffanin replica a Lea T

La puntata di Verissimo di sabato 15 maggio 2021 ha aperto i battenti in modo alternativo. Silvia Toffanin ha dedicato l’anteprima del suo programma a Lea T, replicando alle accuse che la modella ha rivolto negli ultimi giorni sia a lei che al suo salottino. La conduttrice è apparsa accigliata come mai prima d’ora e le sue parole sono state a dir poco pungenti.

Verissimo, Silvia Toffanin a Lea T: le sue parole

Lea T ha accusato Verissimo e la stessa Toffanin di aver censurato la sua intervista discriminandola, mandando in onda al suo posto quella di Giorgia Meloni. Silvia, quindi, ha replicato:

“Le interviste non vanno mai in onda subito per esigenze produttive, degli artisti. La protagonista di questa intervista è una modella trans che sabato scorso dopo aver visto l’intervista di Giorgia Meloni ha pubblicato sui suoi social delle affermazioni molto pesanti accusandoci di censura e discriminazione. Voi sapete che noi qui a Verissimo abbiamo sempre dato voce a tutti uomini, donne, omosessuali, transessuali e l’abbiamo sempre fatto con rispetto e serietà”.

La Toffanin è davvero arrabbiata e il suo tono di voce non è mai stato tanto severo. Da anni, ormai, conduce con professionalità Verissimo e non accetta che qualcuno mandi in fumo tutto il suo lavoro.

Verissimo, Silvia Toffanin: frecciatina a Lea T

Prima di mandare in onda l’intervista di Lea T, Silvia ha voluto lanciare una frecciatina alla modella. Ha concluso:

“Abbiamo dato voce a tutti i pensieri. Lea T ci accusa di censura con delle offese e commenti anche molto pesanti e nello stesso tempo ci chiede di non mandare in onda l’intervista perchè abbiamo dato spazio ad una persona che la pensa in modo diverso da lei: allora, chi è che censura? Le parole censura e discriminazione non ci appartengono. Non appartengono a Mediaset e a Verissimo e, certamente, non appartengono a me”.

Lea T avrà recepito il messaggio? Staremo a vedere.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli