Verona intitola una via ad Almirante. Segre: "Incompatibile con la cittadinanza onoraria a me"

HuffPost

Nello stesso giorno, in Consiglio comunale a Verona, è stata proposta la cittadinanza onoraria a Liliana Segre e chiesta l’intitolazione di una strada a Giorgio Almirante. Sulla vicenda, che sta causando polemiche nella città scaligera, è intervenuta direttamente la senatrice a vita sopravvissuta ad Auschwitz: “Le due scelte sono di fatto incompatibili per storia, per etica e per logica”, ha affermato all’AdnKronos.

“Una via Almirante a Verona? Davvero? Oh, povera strada...”, ha detto Liliana Segre, appena ha saputo la notizia. “Mi chiedo se sia lo stesso Comune, quello di Verona, a concedere a me la cittadinanza onoraria e poi a intitolare una via ad Almirante: si mettano d’accordo!”.

Poi il ricordo: “Quando ero bambina, a Milano, mi ricordo di Corso del Littorio che poi dopo la Liberazione divenne Corso Matteotti: le vie sono sempre quelle, i loro nomi cambiano a seconda delle stagioni: ma non credevo proprio che questa fosse la stagione di Giorgio Almirante, pensavo o mi illudevo che fosse passata... Un conto è intitolare strade a Moro o a Nenni, a Berlinguer o a La Malfa, un altro conto è intitolarla ad Almirante che ha una storia diversa, anzi ben diversa, visto che fu tra i sostenitori del Manifesto della Razza per il quale noi ebrei non eravamo italiani. Credevo che quel tempo non ci fosse più in Italia, ora apprendo che purtroppo c’è ancora”.

Intanto c’è chi chiede al prefetto della città di non autorizzare l’intitolazione della strada. Il consiglio direttivo dell’associazione La città che sale ha consegnato una lettera aperta a Donato Cafagna, per invitarlo a non dare il via libera alla decisione.

Secondo l’associazione veronese, la proposta “appare in contrasto con le disposizioni del Regolamento comunale”. La vita, le scelte, i valori e le azioni di Giorgio Almirante, infatti, secondo l’associazione, “non sono state in nessun caso, né durante il fascismo, né durante la Repubblica, ‘testimonianza dello...

Continua a leggere su HuffPost