Verso un incontro Conte-Mittal a Davos per sbloccare la trattativa sull'ex Ilva

Giuseppe Colombo
Conte Mittal

Alla deadline decisa insieme per scrivere il futuro dell’ex Ilva di Taranto mancano appena dieci giorni. E poco dopo, il 7 febbraio, è in programma lo scontro in tribunale, rinviato già una volta proprio per provare a raggiungere un accordo. Insomma, il tempo stringe sul governo e Mittal. L’istantanea della trattativa ha il tratto di distanze pesanti. Si chiamano esuberi e il conto da pagare. Stando così le cose o la partita si sblocca ai livelli alti oppure è destinata a complicarsi ancora di più. Un appuntamento, in tal senso, è già in programma. Una fonte di primissimo livello, che fa parte dei negoziatori, rivela a Huffpost che Giuseppe Conte incontrerà i Mittal a Davos, dove il premier sarà giovedì per partecipare ai lavori del World Economic Forum. 

L’urgenza di sbloccare la trattativa è tutta sulle spalle del governo. Mittal, infatti, non ha preclusioni a chiedere un nuovo rinvio dell’udienza davanti al tribunale di Milano. L’esecutivo, invece, è davanti a un vicolo cieco e per questo spinge per arrivare a un accordo prima di quella data. Se chiedesse uno slittamento, infatti, verrebbe a cadere quella richiesta di urgenza attivata presso i giudici in risposta alla volontà del colosso dell’acciaio di lasciare Taranto. Un passo indietro è utile per inquadrare meglio la questione. Quando Mittal annunciò di volere andare via dall’ex Ilva, il governo depositò un ricorso. Era il 15 novembre e Conte lo annunciò su Facebook: ”È stato depositato il ricorso ex art.700 cpc al fine di fermare il depauperamento di un asset strategico del nostro sistema industriale come lo stabilimento ex Ilva di Taranto. Il governo non lascerà che si possa deliberatamente perseguire lo spegnimento degli altiforni”.

La spiegazione di questo diverso posizionamento è che i tempi supplementari per trattare ancora non convengono al governo. Se però non si trova un accordo, si arriva in tribunale e parte lo scontro. L’esito è ovviamente da scrivere,...

Continua a leggere su HuffPost