Vino, fondo Clessidra lancia Argea, nuovo polo di Botter Mondodelvino

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 set. (askanews) - Sotto la regia del Fondo Clessidra, il polo Botter e Gruppo Mondodelvino danno vita alla holding Argea ("ar" come arte e "gea" come terra). Le due importanti e storiche realtà del vino italiano costituiscono così una solida base per la creazione di un Gruppo innovativo e intenzionato a puntare su nuove aggregazioni, con un piano di investimenti al 2025 di circa 50 milioni di euro. La holding è partecipata per il 56% dal private equity Clessidra, per il 40,5% dalla famiglia Botter, per il 2% dalla famiglia Martini e per l'1,5% dal management, fatto quest'ultimo inusuale nel mondo del vino.

Il nuovo polo, che sarà guidato dall'attuale amministratore delegato di Botter Mondodelvino, Massimo Romani, parte da ricavi consolidati di circa 420 milioni di euro nel 2021, che, con il nuovo assetto, dovrebbero salire a 440 a fine 2022, per arrivare a 550 nel 2025.

"Poco più di un anno fa Clessidra ha lanciato il progetto 'Vino italiano nel mondo': oggi non è più solo un progetto ma il più grande esportatore di vino italiano" ha dichiarato l'Ad di Clessidra, Andrea Ottaviano, spiegando che "il nuovo nome Argea serve per raccogliere in una casa unica tutti i nostri prodotti".

A trainare il fatturato è l'export in 85 Paesi che oggi pesa per il 95% del fatturato, con sei siti di produzione distribuiti dalla Romagna al Piemonte fino al Veneto (e numerose filiere provenienti anche da Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo, Puglia e Sicilia), circa 500 collaboratori.

L'obiettivo di Argea, presentato questa mattina a Milano, è quello di consolidarsi sui mercati di riferimento (Stati Uniti, Germania, Nord Europa e Far East), puntando a sviluppare fortemente la multicanalità, con team e prodotti dedicati su on, off-trade e e-commerce. Parallelamente il Gruppo lavora ad acquisizioni e fusioni finalizzate al miglior presidio dei mercati strategici o all'arricchimento dell'offerta delle denominazioni.

"Sin dal suo nome, Argea nasce per condividere l'arte vinicola italiana con tutto il mondo. Partendo dal logo, passando dal font, fino alla nuova brand architecture, tutto è stato pensato per rispecchiare la forza, la stabilità, il prestigio ma anche la cultura e la storia mediterranea del Gruppo" ha chiosato il responsabile Marketing e Comunicazione di Argea, Enrico Gobino, sottolineando che si tratta di valori "che saranno pienamente espressi e veicolati, non solo dagli stessi prodotti che portiamo ai nostri consumatori, ma anche tramite ingenti investimenti di marketing, già previsti nel piano industriale".