Virus pericoloso mentre si aspetta?

·2 minuto per la lettura
donna in gravidanza
donna in gravidanza

l Citomegalovirus è un genere di virus molto comune, che appartiene alla grande famiglia virale degli herpes virus. Nelle persone in buna salute, questo tipo di virus è assolutamente asintomatico tranne che in alcuni casi. Le persone con gravi problemi al sistema immunitario possono avere conseguenze complicate per essersi infettate con il citomegalovirus e, lo stesso vale, per le donne in gravidanza.

Citomegalovirus e gravidanza

Il Citomegalovirus in gravidanza è molto temuta, specie se coinvolge la gestante per la prima volta in vita. Nelle donne in gravidanza, infatti, il Citomegalovirus può infettare il feto e provocare a quest’ultimo danni molto seri. Ecco perché tra i primi esami che vengono effettuati ad una donne in dolce attesa c’è anche il sierologico di questo virus. Se la donna ha già contratto l’infezione non c’è da preoccuparsi, in caso contrario l’esame dovrà essere ripetuto nel corso delle quaranta settimane così come per la toxoplasmosi e il rubeo test.

Infezione primaria da citomegalovirus

L’infezione da citomegalovirus in gravidanza è molto preoccupante quando la madre la contrae per la prima volta nel periodo compreso tra i due mesi precedenti il concepimento e il primo trimestre della gravidanza. L’infezione da Citomegalovirus durante il secondo ed il terzo trimestre risulta progressivamente meno grave.

Infezione secondaria

Un’eventuale infezione da Citomegalovirus in una donna già esposta in passato al virus è meno preoccupante. In questo caso la madre trasmette al feto non solo il virus ma anche gli anticorpi per debellarlo, il che comporta, per il futuro nascituro, un minor rischio di complicanze.

Problemi al feto

Se la madre dovesse contrarre l’infezione, il passaggio al bambino avviene per via transplacentare e le conseguenza possono avere un ventaglio di casistiche. Sul feto, l’infezione da Citomegalovirus in gravidanza può non avere alcuna conseguenza, né a breve né a lungo termine, avere conseguenze solo a distanza di diverso tempo, avere conseguenze immediate e nel lungo periodo. Tra i possibili effetti immediati sul feto dell’infezione da Citomegalovirus in gravidanza, rientrano: petecchie, ittero, ritardo nella crescita, milza ingrossata.