Visitare la Sardegna con i bambini, consigli utili su cosa fare

·3 minuto per la lettura
Relax e vacanze: dove andare con i bambini in Sardegna
Relax e vacanze: dove andare con i bambini in Sardegna

L’isola della Sardegna è sicuramente la meta più gettonata per le vacanze di famiglia. La regione è una delle tappe più ricercate soprattutto per il suo clima e per le spiagge molto sabbiose adatte ai bambini. Una destinazione perfetta per trascorrere le vacanze con tutta tranquillità divertendosi e facendo divertire i propri piccoli.

In Sardegna con i bambini: una costa tutta da esplorare

Da Nord a Sud, da Ovest ad Est la Sardegna è tutta da esplorare tra spiagge sabbiose, ciottoli insenature e qualche scogliera. C’è solo l’imbarazzo della scelta in base alle preferenze. Di seguito un elenco suddiviso in zone per poter scegliere la spiaggia ideale per ogni tipo di vacanza.

Zona sud

  • Villasimius un ambiente adatto sia a grandi che bambini con spiagge sabbiose e stabilimenti attrezzati;

  • Domus de Maria famosa in tutto il mondo per le sue rocce calcaree.

Zona est

  • Spiaggia Cala Goloritzè classificata “Monumento Nazionale Italiano”;

  • Cala Luna, un misto di ciottoli e sabbia, ideale per scattare delle foto indimenticabili al tramonto ma anche per i suoi scenari.

Zona nord

  • Spiaggia della Bombarde è l’ideale se si vuol passere una vacanza a cavallo tra il mare e una pineta per potersi riparare sotto i rami di un albero nelle ore più calde. Le grandi dune e le enormi distese di sabbia sono perfette per far giocare i bambini.

Zono ovest

  • Spiaggia della Costa Verde ideale per chi ama la natura e ama fare lunghe passeggiate;

  • Spiaggia di della penisola del Sinis, isole maltesi, è perfetta anche per i bambini data la grande presenza di sabbia.

Leggi anche: Cose da fare in montagna in estate con i bambini: i consigli

In Sardegna con i bambini: città ed escursioni da fare

L’isola della Sardegna non è solo spiagge e mare, ma è anche una meta turistica da poter girare e scoprire sotto molti aspetti, dalle città più caratteristiche fino ai cibi tipici della regione come il famosissimo pane carasau. Tra le attrazioni principali ci sono le escursioni, tantissime grotte carsiche facilmente raggiungibili in traghetto e che aspettano solo di essere esplorate. Una delle più gettonate è la Grotta di Nettuno.

Tra le città più famose c’è sicuramente Alghero, che si trova nella parte nord-occidentale dell’isola. La città è nota per il suo porto, i coralli e le fortificazioni risalenti alla seconda guerra mondiale. Un città ricca di storia contemporanea e arte. C’è anche Olbia, città che si torva a nord-est dell’isola. Caratteristica della città sono la cattedrale di San Simplicio e i siti archeologici, anche qui potete unire l’utile al dilettevole. Ultima, ma non per importanza il capoluogo di Regione Cagliari. Città con un clima mediterraneo e piena di località balneari e di storia. I reperti archeologici presenti risalgono al neolitico.

Leggi anche: Vacanze con bambini senza stress: i consigli

Cosa fare prima di partire in Sardegna con i bambini

Con il decreto del 15 maggio 2021 è consentito:

  • Spostamento tra regioni gialle o bianche senza autocertificazione

  • Niente quarantena per chi arriva da Israele, Regno Unito e Unione Europea

Bisogna però ottenere il Green Pass, il certificato verde, per potersi spostare tra una regione e l’altra. Per ottenere tale certificato è necessario:

  • Aver completato il ciclo vaccinale (2 dosi per il vaccino Moderna, Pfizer e AstraZeneca e 1 dose per il vaccinoJ&J)

  • Essere guariti dal Covid19

  • Aver effettuato un tampone antigienico o molecolare con esito negativo

Come previsto dall’ordinanza n°28 del 28 maggio 2021, per chi arriva in Sardegna per via aerea o marittima è necessario compilare un apposito modulo prima dell’imbarco o registrarsi sull’APP Sardegna Sicura. L’app è disponibile su App Store o Play Store.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli