"Voglio cibo bio": la protesta in carcere di Jake Angeli

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Jake Angeli, il manifestante pro Trump vestito con corna e pelliccia dell'assalto al Campidoglio, non risponde alle domande dei giudici e chiede cibo biologico in prigione. L'uomo, che ha rifiutato di mangiare portate "normali", sostiene di aver bisogno di una dieta sciamanica.

GALLERY - Jake Angeli, lo sciamano italoamericano che ha guidato la rivolta a Washington

Jacob Anthony Chansley - alias "Jake Angeli" e "QAnon Shaman" - dovrà affrontare le accuse in relazione alla rivolta della scorsa settimana culminata nell'assalto a Capitol Hill.

"Non mangia da venerdì e si ammala molto se non mangia cibo biologico", ha detto ai giornalisti la madre dell'uomo, Martha Chansley, avvicinata dai giornalisti all’uscita del palazzo di giustizia di Phoenix, e poi intervistata nella sua casa in Arizona.

GALLERY - Usa sotto shock: assalto al Congresso

"Voleva solo manifestare a favore di Trump. Il Congresso non è forse la casa del popolo?", ha dichiarato a Fox News la signora Martha.

Il giorno dei disordini, Chansley è stato fotografato all'interno del Campidoglio a petto nudo, il viso dipinto, indossando una folta pelliccia e delle vistose corna.

Il primo interrogatorio del 33enne si è svolto per telefono poiché Chansley si trova in quarantena a causa delle misure anti Covid.

"Jake Angeli" è accusato di "essere entrato e rimasto consapevolmente in un edificio/terreno senza la legale autorità di poterlo fare, e di ingresso violento e condotta disordinata sul terreno del Campidoglio".

GUARDA ANCHE: Usa, un agente afroamericano salva il Congresso