Ward: il motivo per cui ha rivelato che Luna ha la sindrome di Marfal

·2 minuto per la lettura
luca ward malattia figlia
luca ward malattia figlia

Luca Ward, dopo aver parlato della malattia della figlia Luna nell’ultima puntata di Verissimo, ha spiegato il motivo per cui questo ‘segreto’ è stato rivelato soltanto ora. A causa dell’emergenza Covid-19, l’attore e sua moglie Giada Desideri hanno avuto molti problemi per continuare ad occuparsi della pargola, ma in loro si è accesa una speranza.

GUARDA ANCHE - Luca Ward, l'emofilia e' una malattia devastante che pochi conoscono

Luca Ward: la malattia della figlia

Ospite di Verissimo, Luca Ward ha parlato per la prima volta della malattia della figlia Luna. Quest’ultima è nata 11 anni fa dalla seconda moglie Giada Desideri, ma la sua patologia è venuta alla luce quando aveva soltanto due anni. La piccola ha la sindrome di Marfan, una malattia genetica rara che, nel suo caso, incide soprattutto sull’apparato scheletrico. Come mai non ne ha parlato prima? Intervistato dal settimanale F, ha ammesso:

“Ho deciso di parlarne adesso perché la pandemia ci ha fatto capire che l’accelerazione sulla ricerca è possibile. I vaccini Covid li abbiamo avuti in pochissimo tempo grazie a fortissimi investimenti economici. Noi ci siamo trovati in guai seri perché Luna viene curata a Lione”.

Luca ha deciso di parlare solo ora della malattia della figlia perché la pandemia ha, da un lato, reso impossibile alcune cure primarie, mentre dall’altro ha aperto la speranza nei confronti della ricerca. Ward ha dichiarato:

“A marzo 2020 doveva fare un corsetto nuovo e non ci è stato permesso di andare in Francia. Ora la curvatura della sua schiena è al 68%, era invece al 32%. Lo stop nelle cure ha provocato un aggravamento importantissimo. Ne parlo per far capire quanto la ricerca sia importante”.

La sindrome di Marfan è una malattia rara ereditaria del tessuto connettivo che causa alterazioni oculari, ossee, cardiache, dei vasi sanguigni, polmonari e del sistema nervoso centrale.

GUARDA ANCHE - Luca Ward: "L'emofilia è una malattia devastante che pochi conoscono"