Riequilibrio Rai. Dopo Salvini nell'intervallo di Juve-Roma, oggi Zingaretti nel break di Don Matteo

HuffPost
Zingaretti

Dopo le polemiche sorte per l’anticipazione dell’intervista di Matteo Salvini a Porta a Porta trasmessa durante l’intervallo della partita Juventus-Roma, la Rai procede al riequilibrio con il medesimo spazio concesso a Nicola Zingaretti durante un break pubblicitario di “Don Matteo”. È stata accolta dal direttore di Raiuno Stefano Coletta la proposta di Bruno Vespa.

“Mai così in basso, altro che libertà e autonomia. E lo chiamano servizio pubblico” aveva commentato il segretario del Pd Nicola Zingaretti. Un esposto all’Agcom veniva annunciato da Italia Viva, mentre Leu parlava di “grave scorrettezza”. “Evidentemente dalle parti di Zingaretti si vivono ore di disperazione - era invece il commento velenoso del leader leghista Salvini - se ci attaccano per Sanremo, per Bruno Vespa e Mihajlovic è perché argomenti positivi non ne hanno. Ieri ci sono state quelle di Di Maio, lunedi ci saranno le dimissioni di qualche altro leader della maggioranza”.

A stretto giro era arrivata una replica di Bruno Vespa, il quale ha ricordato che Zingaretti e Salvini sono stati ospiti nelle puntate di martedì 21 e mercoledì 22 “entrambi per 53 minuti”. Inoltre “identico tempo in video e in voce abbiamo dato a Stefano Bonaccini e Lucia Borgonzoni, non trascurando di dar brevemente voce anche alle liste minori”. Il giornalista evidenzia che “gli spot con Zingaretti e con Salvini sono andati entrambi in onda nell’intervallo delle partite di Coppa Italia. Per una svista della redazione, di cui mi assumo come sempre la responsabilità, il tempo di parola di Salvini è stato maggiore di quello di Zingaretti (che ha condiviso lo spazio con Giorgia Meloni) e di maggiore impatto politico. Proporrò alla direzione di Raiuno di riequilibrare le posizioni”.

Proprio l’iniziativa di Bruno Vespa porterà al riequilibrio stasera. “Il direttore di Rai1, Stefano Coletta, preso atto dell’ammissione di responsabilità da parte di Bruno Vespa per...

Continua a leggere su HuffPost